Come funziona Dropbox

Il file hosting comodo e sicuro, per non sprecare spazio sul proprio disco fisso.

di Ilaria Fedele 3 Novembre 2012 8:00

Il software multipiattaforma DropBox offre un servizio di file hosting e consente di sincronizzare automaticamente i propri file tra vari computer, sfruttando i server cloud mediante i quali è possibile anche avere copie di backup dei documenti più importanti. Vi si può accedere ovunque ci si trovi, anche utilizzando un computer diverso dal proprio.

Con DropBox è possibile configurarne i principali parametri, creare il proprio account e far partire il caricamento sui server remoti dei file.
Mediante appositi strumenti è inoltre possibile condividere qualsivoglia file presente all’interno del proprio account DropBox con altre persone, fornendo loro un link per il download diretto. Si possono anche creare cartelle da condividere con i gruppi di lavoro, per la lettura o anche per la scrittura.
L’utilizzo di Dropbox è gratuito, va scaricato il software manager da istallare sul pc, quindi bisogna fare la registrazione e attivare un account che mette a disposizione 2 GB di spazio sui server della società.

Eseguite queste due operazioni preliminari Dropbox creerà una cartella all’interno del percorso Documenti, che farà da collegamento tra il pc e la nuvola. Ogni file qui archiviato sarà automaticamente sincronizzato e caricato, anche le modifiche ai documenti presenti saranno riportate immediatamente.
Se per errore si cancella un documento esso potrà essere ripristinato mediante lo strumento di ripristino dell’interfaccia web di Dropbox. I file vengono archiviati, comunque, per 30 giorni dalla rimozione e il ripristino va fatto entro questo tempo.

Il neo di DropBox è dato dall’impossibilità di scegliere squali cartelle sincronizzare, obbligando così allo spostamento di ogni file o directory all’interno di quella predefinita.
Per aggirare tale neo esiste Dropbox-folder-sync, che permette di sincronizzare online qualsiasi cartella, senza la necessità di crearne una copia all’interno di quella predefinita.

È possibile anche configurare Dropbox con alcuni parametri di sincronizzazione selettiva: in tal modo soltanto alcune delle cartelle presenti sui server saranno sincronizzate con il proprio computer, così da evitare inutili sprechi di spazio sul proprio disco fisso qualora specifici file o directory non risultano essere necessari.

Commenti