Quante cose il web conosce di noi?

Come proteggere la vostra privacy online e le informazioni sensibili associate ad account di social networking.

di Daniela Caruso 18 gennaio 2013 12:01

Avete mai inserito su Google il vostro nome o quello di qualcun altro? Spesso, con una semplice ricerca, si possono scoprire anche particolari scomodi di una persona che conosciamo. Anche se passano anni, una causa penale, un problema con la giustizia o una situazione imbarazzante sono sempre registrati nei meandri della rete. Potremmo dire che internet non dimentica mai. A patto che file e informazioni compromettenti non vengano cancellate dai vertici.

I siti cosa sanno di noi?

Il primo passo è quello di cercare su Google il vostro nome e le variazioni dello stesso. Non fermarsi alla prima pagina, ma vedete che cosa si presenta anche nelle pagine due e tre. Tali risultati potrebbero finire in prima pagina più velocemente di quanto pensaste.

Google-Name-Search

Non bisogna fermarsi solo a Google. Se si vuole veramente sapere cosa Internet sa di voi, scavate più a fondo e utilizzare una varietà di fonti. Provate tutti i principali motori di ricerca, analizzate i risultati della ricerca anche in versione straniera, utilizzare i motori di ricerca specializzati per le persone, social network, o aziende e, se necessario, provate un servizio a pagamento rintracciare le informazioni on-line su di voi.

Come si può influenzare o ottimizzare i risultati di ricerca?

Non è solo il vostro comportamento che può influenzare i risultati della ricerca. Più di un terzo della popolazione della Terra utilizza Internet, ossia 2,4 miliardi persone. È molto probabile che alcuni di loro abbiano il vostro nome. Le loro attività on-line influenzano i risultati della ricerca e viceversa.

Se i risultati di ricerca indesiderati sono scaturiti da voi o da qualcun’altro, ci sono due approcci per risolverli:

  1. Sostituire i cattivi risultati con quelli buoni.
  2. Rimozione dei risultati negativi.

La tecnica della sostituzione è semplice. Assicuratevi che il vostro nome sia associato a siti che hanno alto rango sui motori di ricerca e che, quindi, possono rendere rilevanti tali risultati. Per esempio, create profili puliti con siti come Facebook, Twitter o LinkedIn e riempiteli con le informazioni che desiderate che gli altri vedano.

Un sito web che possono aiutare a “seppellire” i cattivi risultati è BrandYourself.

Brand-Yourself-First-Page-of-Google-Results

La rimozione dei risultati negativi è molto più difficile e in molti casi impossibile. È possibile eliminare il contenuto, contattare i proprietari del sito e chiedere loro di eliminarlo, o fare ricorso a Google per la rimozione dei risultati di ricerca.

Perché il Web sa tante cose su di noi?

Per capire ciò, dobbiamo capire da dove provengono queste informazioni. Nella maggior parte dei casi, la diffusione delle informazioni deriva anche da una cattiva gestione della privacy. Le tue abitudini di navigazione, ad esempio sono in gran parte memorizzate sul vostro computer, ma questa informazione sono potenzialmente accessibili a siti web che visitate. Ancora più importante, tuttavia, i giganti di Internet come Facebook e Google raccolgono e memorizzano enormi quantità di dati utente

Google dispone di due strumenti chiave che permettono di vedere quali informazioni sono memorizzate su di voi:  Google Dashboard e la relazione delle attività. Google Dashboard riassume tutti i dati memorizzati con il vostro account in tutti i servizi Google, compresi i dati AdSense, attività Gmail, attività di YouTube e altro ancora. La relazione delle attività dell’account Google offre un riepilogo mensile delle attività sui vari prodotti Google . È anche possibile scaricare i dati da Google.

Download-Google-Data

Mentre i dati di Google potrebbero essere più sensibili, i dati di Facebook sono potenzialmente più visibilo. La rete sociale è noto per violare la privacy dei propri utenti, quando si introducono nuove funzionalità, impostandola come pubblica di default. Assicurarsi che le informazioni personali non siano, pertanto, pubbliche.

Timeline-to-Public

Come posso impedire loro di rendere i miei dati pubblici?

Bisogna limitare manualmente le impostazioni di privacy, soprattutto su Facebook. Uno strumento che può aiutare a mantenere la vostra privacy tale, è PrivacyFix. Utilizzando un add-on per il browser, lo strumento può analizzare le vostre impostazioni sulla privacy in Google, Facebook e altri siti we . A seguito di una scansione, mette in evidenza le zone vulnerabili e suggerisce correzioni.

privacyfix-facebook

Come posso impedire ai siti di raccogliere i dati?

Facile. Non utilizzate Internet, ma sappiamo tutti che questa è una scelta difficile e quasi impossibile. Forse cercare di non condividere molti dati privati online può essere una delle azioni sensate. Disabilitate i cookie, navigate anonimamente, usare i dati utente falsi, un indirizzo e-mail temporaneo. 

[photo credit|MakeUseOf]

1 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti