Arriva l’app per tenere sotto controllo i terremoti, INGVterremoti

Una applicazione che entra di diritto nell'interesse di tutti, dopo gli eventi sismici degli ultimi giorni, a cura dell'INGV.

di Ilaria Fedele 29 Maggio 2012 15:05

LIstituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha reso disponibile un’utile applicazione che permette di tenere sotto controllo i terremoti, valutando l’entità delle scosse, la profondità dell’origine e il punto preciso dell’epicentro. Si tratta di INGVterremoti, che è scaricabile in modalità universale e del tutto gratuita e che offre una proiezione degli ultimi terremoti registrati dall’Istituto nell’arco di quindici giorni. I terremoti rilevati verranno organizzati all’interno dell’applicazione, che li presenta suddivisi per data e ordinati per magnitudo, e sarà possibile procedere con una ricerca specifica a seconda di quello che maggiormente interessa. In particolare l’applicazione consente la ricerca dei terremoti svoltisi all’interno di un arco di tempo predefinito (interno ad un periodo di trenta giorni),  quella degli avvenimenti sismici più vicini alla posizione nella quale ci si trova e la distanza con il punto interessato dal terremoto in modo più forte. Inoltre è possibile effettuare ricerche a seconda di città e magnitudo all’interno del range e della zona scelta.

L’uso di tale applicazione entra a far parte di quegli strumenti messi anche recentemente a disposizione di tutti per ottenere un maggiore controllo sugli eventi meteorologici, spesso catastrofici, che possono interessare le varie aree della Terra, come appunto i terremoti o gli allagamenti, e che negli ultimi mesi sono stati alla base di studi a livello sociale e di programmazione software che hanno portato alla realizzazione del progetto del social mapping, utile anch’esso per monitorare i terremoti.

L’applicazione INGVterremoti offre una vasta sezione dedicata alle FAQ, le domande più frequenti, con un glossario di base per comprendere i fenomeni sismici e un’approfondimento sulle diverse aree d’Italia maggiormente interessate da tali eventi e con un maggior rischio sismico. L’applicazione offre costanti aggiornamenti (a 3 giorni) e nuove versioni del Database, oltre che un collegamento ai principali social network, per la massima diffusione delle informazioni.

Commenti