Alla prossima versione di Ubuntu non servirà un Browser web

Con Quantal Quetzal il Web sarà disponibile direttamente sul proprio desktop.

di Ilaria Fedele 26 luglio 2012 11:31

Con la prossima versione di Ubuntu sarà possibile avere il Web a portata di mano direttamente sul desktop del proprio dispositivo, semplicemente all’interno delle icone.

La novità di cui si sta discutendo si chiamerà WebApps e consentirà di utilizzare le funzioni di internet più richieste senza la necessità di servirsi di un browser internet e Canonical, in sede di presentazione, ha sottolineato il fatto che la realizzazione di un’idea di tale genere mirerebbe a diminuire il divario che ha l’utente nella percezione e nell’utilizzo delle applicazioni pensate per il desktop e di quelle che funzionano tramite internet, in modo da restituire velocità a tutto il sistema, che sempre più si serve di aggiunte e tool esterni provenienti da internet.

WebApps è una risposta al progetto del fondatore di Ubuntu, Mark Shuttleworth, secondo il quale il web deve essere una realtà di accesso sempre più semplice ed immediato, e che deve essere il più impossibile integrato con tutti gli strumenti a disposizione. Inoltre il servizio permetterebbe un uso immediato e che meglio si interfaccia ai servizi di backend, piuttosto che un browser con numerose schede aperte in contemporanea.

In sostanza si tratta di un plugin ideato per Firefox, con il quale è possibile visualizzare le pagine web anche al di fuori del browser stesso, e offre anche la possibilità di una ulteriore personalizzazione semplicemente scaricando tutti gli script aggiuntivi che possono essere ritenuti utili caso per caso, andando direttamente sul Software Center di Ubuntu.

Al momento quindi Canonical sta preparando il lancio di WebApps e si prevede che in partenza saranno disponibili già quaranta applicazioni diverse, che permetteranno agli utenti di avere accesso immediato ad alcuni servizi molto popolari, come i Social Network, primo fra tutti Facebook, e i servizi di posta elettronica, tra cui Gmail. Inoltre con una apposita API ogni utente potrà creare una app personalizzata per l’accesso diretto ad un sito preferito sul web.

1 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti