Xiaomi, nuovo brevetto per doppia fotocamera sotto al display

di Roberto S. 21 Ottobre 2019 11:29

Novità interessanti in arrivo in casa Xiaomi, azienda che pian pianino sta raccogliendo sempre più consensi in campo smartphone, grazie a prodotti di estrema qualità che è possibile acquistare ad un prezzo più conveniente rispetto alla concorrenza.

La crescita però di Xiaomi arriva anche dalle novità tecnologiche che si studiano quotidianamente per migliorare i nuovi smartphone. Da questo punto di vista è stato avvistato un nuovo brevetto che potrebbe rivelarsi una tecnologia molto simile a quella già utilizzata da Samsung per la fotocamera inserita al di sotto del display. Nel caso però di Xiaomi si parla di ben due sensori da nascondere sotto il display. L’idea dell’azienda cinese è quella di posizionare questi due sensori nella zona centrale dello schermo, dove in genere sono presenti i sensori di prossimità e di luminosità.

La tecnica utilizzata da Samsung per il sensore sotto al display

In questo caso però Xiaomi prenderà sicuramente spunto dalla tecnica utilizzata da Samsung per questo tipo di tecnologia, anche perché l’azienda sudcoreana ormai è alquanto esperta nel nascondere il sensore della fotocamera anteriore al di sotto del display. Non è quindi di certo un caso che si potrebbe puntare sulla tecnologia UDC di Samsung dove l’azione combinata di una serie di laser è in grado di perforare il pannello OLED per l’inserimento delle fotocamere “punch-hole” presenti nei top di gamma di Samsung.

L’aspetto più complicato da superare per Xiaomi

Non sarà però di certo semplice per Xiaomi avviare questo tipo di procedura per due sensori, anche perché lo smartphone in questione dovrebbe essere munito di un software molto complesso per la gestione delle fotocamere. Il tutto infatti ruota intorno al problema che le foto scattate al di sotto del display hanno il bisogno primario di un processo di pulizia non semplice, questo perché in genere si forma una patina gialla su ogni foto scattata con questo tipo di sensore. L’obiettivo della fotocamera non risulta infatti libero, ma è coperto da un vetro e per far sì che le foto vengano assolutamente perfette, dovrà essere il software ad attivare un lavoro piuttosto complicato. Xiaomi sta lavorando proprio su questo aspetto, il brevetto conferma la volontà di puntare su un doppio sensore anteriore al di sotto del display, ma a questo punto non è chiaro quando riuscirà a realizzare il tutto.

Commenti