Sigle dei film in rete, ecco i significati

Spiegati i vari termini associati ai filmati e ai video che sono fruibili dalla rete via streaming o pronti al download.

di Daniela Caruso 16 gennaio 2013 16:27

Dalla rete si scaricano tanti tipi di file, con ad essi annesse diverse tipologie di estensione, di cui non si conoscono pienamente i significati. In questo articolo, facciamo una disamina dei significati delle varie sigle abbinate ai film che possono essere trovati in rete e scaricati o fruibili attraverso lo streaming.

Codec video

  • DivX: rappresenta la codifica video più diffusa tra i film piratati, fino a quando non è stato introdotto l’Xvid, basato su una variante del codec libero MPEG-4
  • XviD: attualmente, è il codec video maggiormente utilizzato. Esso offre una qualità video superiore a quella offerta da DivX. Inoltre, è open-source.
  • x264: è il nome di una libreria software free per l’encoding in H.264 (MPEG-4 AVC).


video encodingQualità video

  • CAM: metodo di ripresa che indica video di bassa qualità
  • TS: questo metodo di ripresa effettua la ripresa su un tre piedi. Qualità sufficiente.
  • TC: abbreviazione di TeleCine. Il metodo di ripresa del film è basato su una macchina capace di riversare le Super-8, o 35mm. La qualità è superiore a quella offerta da CAM e TS.
  • R5: la qualità video di un R5 è pari a quella di un dvd, può contenere anche sottotitoli. Se è presente la dicitura LINE.ITALIAN è in italiano, altrimenti sarà disponibile in una lingua asiatica o russa.
  • R6: video proveniente dall’Asia.
  • FS: video a schermo pieno, cioè FullScreen, quindi con un rapporto di 4:3.
  • WS: video WideScreen, cioè rapporto 16:9.
  • VHSSCR: video estratto da una videocassetta VHS.
  • DVD RIP: la fonte video proviene da un DVD, la qualità è buona.
  • DVD SCR: la fonte video proviene da un DVD. Tali filmati, di solito, appartengono a copie promozionali.
  • HDTV RIP: video copiato e registrato da televisori in HD e che, per questo, restituiscono una qualità eccellente.
  • PD TV/SAT RIP/DVBRip: video registrato da Tv satellitare, qualità accettabile.
  • TV RIP: ripping simile al SAT RIP, solo che, in questo caso, la qualità del vide può variare a seconda dei casi.
  • VHS RIP: video registrato da videocassetta. Qualità variabile.
  • BRRip – BDRip: indica che il video è stato preso da una fonte BluRay. Nella maggior parte dei casi, avremo un video ad alta definizione.
  • DTTRip: video registrato da un canale digitale terreste. Qualità sufficiente.
  • HQ: video in alta qualità.
  • WebRIP: in questo caso, i film sono estratti da portali relativi a canali televisivi o di video sharing come YouTube. La qualità varia dall’SD al 1080p.
  • WEB-DL/DLMux: si tratta di un 720p o 1080p reperiti dalla versione americana di iTunes americano. La qualità è paragonabile a quella di un BluRayRip e permette di fruire di episodi televisivi, senza il fastidioso bollo distintivo della rete che trasmette.
  • DVD5: il film è in formato DVD Single Layer, nel quale vengono mantenute tutte le caratteristiche del DVD originale: tra queste il menu multilingue, i sottotitoli e i contenuti speciali, se presenti. Il video è codificato nel formato DVD originale MPEG-2.
  • DVD9: ha le stesse caratteristiche del DVD5, ma le dimensioni del file sono di un DVD Dual Layer (8,5 GB).

audioQualità audio

  • MD: l’audio è stato registrato via microfono, quindi la qualità è scarsa.
  • DTS: audio ricavato dai dischi DTS2, quindi la qualità audio è elevata.
  • LD: l’audio è stato registrato tramite jack collegato alla macchina da presa, pertanto di discreta qualità.
  • DD (Digital Dubbed): audio ricavato dai dischi DTS cinema. L’audio è di buona qualità, ma potreste riscontrare il fatto che non potrebbe essere più riproducibile.
  • AC3: audio in Dolby Digital 5.1 di alta qualità.
  • MP3: codec per compressione audio utilizzato MP3.

play buttonDenominazioni video, ecco una lista extra

  1. Unrated: il filmato è privo di qualsiasi tipologia di censura.
  2. Limited: il video non è ancora arrivato sul mercato o è stato concesso solamente a un determinato numero di sale cinematografiche o Paesi specifici.
  3. Internal: l’audio del video presenta delle imperfezioni.
  4. Proper: video sottoposto a modifica per quel che concerne gli elementi audio e/o video.
  5. Subbed: video contenente sottotitoli.
  6. 720p: video con risoluzione di 1820 x 720 pixel, ossia è un filmato in HD.
  7. 1080p: video con risoluzione di 1920 x 1080 pixel, cioè Full HD.
  8. FS: formato video Full Screen (rapporto di 4:3)
  9. WS: formato video Wide Screen (rapporto di 16:9)
  10. DSP: la traccia audio è passata attraverso un processore digitale (processore DSP) che ne ha migliorato la qualità del suono.
  11. STV: video che è stato fruito in TV, ma mai nei cinema.
  12. Repack o Recode: il video è stato ripubblicato dopo essere stato corretto da eventuali imperfezioni (probabilmente per un desync audio/video nella versione precedente o per l’aggiunta di filtri per aumentarne la qualità).
  13. READNFO: significa che nel file è presente un file da leggere che contiene delle note a riguardo dello stesso filmato.
  14. Remastered: indica che il film è stato rimasterizzato in digitale.

1 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti