Guida a Twitter per principianti

Ecco come utilizzare al meglio la piattaforma di microblogging.

di Daniela Caruso 6 Giugno 2012 17:05

Che cosa è Twitter?

Twitter è una piattaforma in cui gli utenti condividono i loro pensieri, notizie, informazioni in 140 caratteri di testo o menoI profili sono (di solito) pubblici, ma anche privati, a seconda delle impostazioni scelte. Gli utenti possono “seguirsi”, in base a lavoro e interessi, ad esempio. 

Su Twitter, qualcuno che segue non richiede l’amicizia: il sito, però, offre comunque interazione e conversazioni. Il primo passo è quello di comprendere e padroneggiare la lingua del social network. Ecco il significato di alcune parole facenti parte del gergo nativo di Twitter:

  • Tweet: un messaggio di 140 caratteri.
  • Retweet (RT): Re-sharing o dare credito a qualcun altro tweet;
  • Feed: Il flusso di tweet che vedete sulla vostra homepage, composto dagli aggiornamenti degli utenti che si seguono;
  • Handle: Il tuo nome utente;
  • Menzione (@): Un modo per fare riferimento a un altro utente con il suo nome in un tweet (es. @Attualissimo). Gli utenti ricevono una notifica quando qualcuno li menziona;
  • Messaggio diretto (DM): messaggi privati;
  • Hashtag (#): Un modo per indicare un argomento di conversazione o partecipare a un dibattito più ampio (ad esempio #AmericanIdol, #Obama). Un hashtag è uno strumento di scoperta che permette agli altri di trovare i nostri tweet, sulla base di argomentazioni specifiche. È, inoltre, possibile fare clic su un hashtag per vedere tutti i tweet.

Twitter ha una grande glossario on-line al quale si può fare riferimento.

1. Registrazione

Bisogna registrarsi a Twitter con uno username e iniziare a scrivere chi siamo, nello spazio della bio, al quale possiamo aggiungere una foto. 

2. Following e Followers

A questo punto, cerchiamo le persone da seguire. Li potete trovare in diversi modi. Il nostro consiglio è quello di seguire gli amici e le persone che si conoscono, in un primo momento. Quando si apre l’account, l’algoritmo di Twitter può logicamente suggerire delle persone che non ci andrebbe di seguire, poiché ci conosce poco. Si limita, infatti, a suggerire celebrità e gente che ha migliaia di seguaci. Se qualcuno ci segue, non c’è obbligo di seguirlo. Se qualcuno sta twittando troppo e intasa il nostro feed, possiamo fare l’Unfollow per non seguirlo più.

3. Entrare nel vivo di Twitter

Una volta scelto chi seguire, possiamo partecipare alle conversaazioni, con uno spazio nel quale non possono essere inseriti più di 140 caratteri. Se vediamo un tweet particolarmente interessante,  possiamo fare clic su Rispondi per inviare la nostra opinione all’utente. Interagire con la gente è semplice: basta mettere il simbolo @ davanti al nome dell’utente del quale si vuole richiamare l’attenzione.

Interagiamo anche con gli utenti di Twitter più influenti. Twitter dà la possibilità di collegarci direttamente con i funzionari governativi, celebrità e promotori, attivisti culturali, in modo da aumentare la nostra visibilità sul social network.

4. Comunicazione diretta

È anche possibile comunicare direttamente con le persone che ti stanno seguendo. Questi “messaggi diretti” sono privati. Il messaggio diretto può essere mandato solo all’utente che seguiamo. Andiamo sul suo profilo e fare clic sul pulsante Follow. Nel menu a discesa, selezionare Inviare un messaggio diretto. Ora è possibile comporre e inviare il nostro messaggio da 140 caratteri.

5. Retweeting

Il retweeting è un modo comune per condividere qualcosa di interessante da qualcuno che seguiamo: così le informazioni si diffondono viralmente. Ci sono un paio di modi per retweettare qualcuno (vedi immagine sotto). Si può scegliere di premere semplicemente il pulsante Rispondi che appare quando si passa sui tweet altrui. Quando si fa clic su questo pulsante, il tweet sarà inviato al nostro gruppo di seguaci, con la foto profilo del tweeter originale. Inoltre, una piccola icona verde apparirà nell’angolo in alto a destra del tweet.

Un altro modo consiste nel fare clic per espandere il tweet, copiare e incollare il testo, quindi creare un nuovo tweet facendo clic sull’icona di composizione in alto a destra della pagina del nostro profilo. Assicuriamoci di includere le lettere RT e lo username della persona che ha originariamente lanciato il tweet. Il tweet comparirà nella nostra timeline, con la nostra foto profilo e il commento personale prima il tweet originale.

6. Hashtag

Gli Hashtag sono etichette che contrassegna l’oggetto di certe conversazioni che si svolgono su Twitter. L’hashtag è rappresentato dal simbolo del cancelletto “#“. Mettere uno di questi piccoli simboli di fronte a una parola o frase indica un argomento o persone della quale vale la pena parlare. Le parole si inseriscono dopo l’hashtag, rendendola ricercabile su Twitter. Vale a dire che, se si fa clic su un hashtag particolare, saremo in grado di vedere tutti i tweet che sono collegati a quel determinato argomento contrassegnato dall’hashtag. Si tratta di un meccanismo di raggruppamento che permette di avere una visuale completa di un determinato topic trattato su Twitter.

7. Mobile Apps

Usare Twitter  in mobilità è importante, perché esso ci informa delle cose che accadono in tempo reale. Twitter è disponibile sia su iOS sia su Android.

Utilizziamo l’app ufficiale di Twitter, anche se ci sono valide applicazioni di terze parti:

8. Dar voce a noi stessi

Se ci poniamo come un utente esperto in un determinato ambito, gli utenti inizieranno a seguirci per le nostre consulenze e perizie. Come si costruisce il “brand” su Twitter, riflettere sul perché le persone stanno seguendo o parlare con te. La linea di fondo è questa: essere autentici e fedeli ai nostri valori e diventeremo rapidamente uno dei membri più importanti della comunità di Twitter.

Commenti