Ubisoft, AnvilNext sarà il motore di Assassin’s Creed 3

Home > News > Ubisoft, AnvilNext sarà il motore di Assassin’s Creed 3

Manca sempre meno all’arrivo di Assassin’s Creed 3, il nuovo super titolo di Ubisoft che si preara ad invadere il mercato internazionale dei videogiochi e ovviamente con l’avvicinarsi dell’uscita aumentano sempre più le indiscrezioni e le conferme da parte della casa produttrice. E’ di poche ore fa la notizia da parte di Ubisoft che annuncia il fatto che Assassin’s Creed 3 sarà interamente sviluppato sfruttando il nuovo motore grafico di ultima generazione l’AnvilNext. Un prodotto nato proprio e svilyuppato proprio da Ubisoft che consente di ottenere prestazioni a dir poco stupefacenti e risultati fuori dall’immaginabile.

L’esperienza di gioco di Assassin’s Creed 3 porterà l’utente ad adorare il titolo e ad innamorarsi della nuova grafica, qui sotto potete ammirare il video di presentazione dell’AnvilNext applicato proprio all’atteso titolo, in cui vengono spiegate proprio tutte le caratteristiche introdotte grazie a questo nuovo motore.

Ubisoft, AnvilNext sarà il motore di Assassin’s Creed 3

A proposito di Assassin’s Creed 3, nelle scorse ore Alex Hutchison, il direttore creativo del titolo, durante un’intervista al portale VG247 ha spiegato come il fatto di realizzare videogiochi troppo lunghi è molto pericoloso, infatti esagerare con la longevità di un titolo potrebbe portare l’utente a stancarsi prima di aver completato tutta la storia de gioco e porterebbe così ad un abbassamento dell’appeal del gioco.

Il Direttore creativo ha spiegato, durante l’intervista, come al momento lui ed il suo team sono impegnati nell’inserimento di sempre maggiori contenuti e meccaniche di gioco ma che se inserite in modo esagerato temono che potrebbe portare solamente ad una confusione generale del giocatore che potrebbe finire per non essere più attirato al completamente del gioco.

Hutchison ha spiegato come “Nella serie di Assassin’s Creed abbiamo un alto tasso di completamento, ma se dovessimo iniziare a rendere il gioco più longevo, rischieremmo di perderlo. Ciò sarebbe un disastro per un titolo come il nostro, dove coerenza e continuità sono da sempre apprezzati“.

 

Lascia un commento