Samsung Galaxy S4, dubbi sul sistema operativo

Una grande incognita circonda l'attesissimo Galaxy S4, quale sistema operativo avrà scelto Samsung per il suo nuovo gioiellino?

di Daniele Perotti 11 gennaio 2013 16:20

Il Galaxy S4 è certamente lo smartphone più atteso di questo inizio 2013 ed in molti si domandano come sarà questo nuovo top gamma progettato e realizzato dal colosso sud coreano ma ciò che in questi giorni sta facendo riflettere analisti, utenti e appassionati di tecnologia è quale sistema operativo avrà scelto Samsung per il suo nuovo gioiellino. Sembra infatti che Samsung possa addirittura scegliere tra tre alternative differenti: Android 4.2 Jelly Bean, Android 5.0 Key Lime Pie oppure Tizen

L’unica certezza è che questo smartphone andrà a raccogliere un’eredità particolarmente scottante, infatti dovrà risultare uno smartphone migliore rispetto al Galaxy S III e ricevere un maggior consenso da parte degli utenti al fine di raggiungere e superare le soglie di vendita ottenute dal suo predecessore. I campi da battere sono certamente velocità, rapporto qualità/prezzo, funzioni, qualità dei materiali utilizzati ma soprattutto non è certo da sottovalutare l’impatto con la compatibilità delle App. Il sistema operativo, con il passare degli anni, è diventato sempre più un importante metodo di scelta del dispositivo che fa spesso pendere l’ago della bilancia per la scelta di un device piuttosto che un’altro.

Al momento, secondo le indiscrezioni trapelate in rete riguardo il nuovo Galaxy S4, gli analisti non sono tutti concordi riguardo la decisione presa da Samsung, alcuni esperti sono infatti convinti che il Galaxy S4 sarà equipaggiato sarà equipaggiato con Google Android e un interfaccia utente proprietaria personalizzata direttamente da Samsung. Ma da qui sorge spontanea una domanda, quale versione sarà adottata? Samsung sceglierà Jelly Bean oppure Key Lime Pie? Da qui in poi c’è una nuova divisione di pensiero tra cui Nate Swanner di Android Authority, che spiega le possibili migliorie che riguarderanno Google Now e si augura che arrivi l’integrazione di una app Google Tasks. Swanner dal canto suo crede anche che Google abbia deciso di continuare nello sviluppo e nell’ottimizzazione di Project Butter ma non passa certamente in secondo piano un nuovo sistema di gestione della batteria in grado di garantire una maggiore autonomia.

Alcuni analisti ipotizzano che Samsung voglia sfruttare il Galaxy S4 per presentare al mondo intero gli attesissimi dispositivi Samsung dotati di Tizen ma sembra alquanto improbabile che il colosso sud coreano decida di utilizzare proprio il suo Top gamma per fare solamente una prova di mercato rischiando così di fare un flop e deludere tutti gli utenti che aspettano con ansia un nuovo dispositivo Samsung dotato di Android. Non rimane dunque che attendere e vedere cosa deciderà Samsung per il suo nuovo gioiellino tecnologico.

1 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti