Raspberry Pi, Il computer più piccolo del mondo a 35 dollari

Ha le dimensioni di una carta di credito. Un enorme successo di vendita.

di Ilaria Fedele 21 gennaio 2013 10:34

Il computer più piccolo del mondo si chiama Raspberry Pi. Le sue dimensioni sono veramente minime, come quelle di una carta di credito.
Il computer Raspberry Pi è un entry-level ovvero il modello più economico di un computer, comunque dotato delle caratteristiche considerate “di base” per poter svolgere il compito richiesto. Il primo giorno di lancio ha ottenuto ben 100.000 vendite e oggi sono più di 700 mila i computer Raspberry Pi venduti a una grande varietà di persone che vanno dagli scienziato agli hobbisti e ai programmatori.

Il costo? È venduto in due versioni, una da 25 dollari, l’altra più “cara” di 35 dollari.
Il Raspberry Pi è un calcolatore implementato su una sola scheda elettronica ed è stato lanciato nel mercato meno di un anno fa. È stato sviluppato nel Regno Unito dalla Raspberry Pi Foundation che ha voluto creare un computer economicissimo da utilizzare nelle scuole per insegnare informatica di base e per stimolare la programmazione.

Vediamo le sue caratteristiche tecniche.

Il sistema è un System on-a-chip Broadcom con processore ARM e 512 megabyte di memoria. No è provvisto di unità allo stato solido né di hard disk.
È provvisto di una scheda Secure Digital , la SD, per memorizzare dati non volatili e per il boot. Il sistema operativo si basa su RISC OS o su Kernel Linux.
Può essere collegato ad una TV o a una tastiera e può essere utilizzato per molte delle applicazioni come programmi di scrittura o di calcolo e anche giochi. Oltre che la riproduzione di video in alta definizione. È molto versatile infatti è adoperato anche per progetti diversi e creativi,e ha dato sempre risposte adeguate.

Qualcuno, ad esempio, lo ha utilizzato per creare occhiali a realtà aumentata, qualcun altro ne ha ricavato un lettore di audiolibri, una giovane start up francese lo ha adoperato per realizzare una centralina portatile che analizza l’inquinamento dell’aria.

18 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti