iPhoneParodia e i segreti del successo dei design di Apple

Una parodia che parte da un video trasmesso dalla BBC.

di Ilaria Fedele 22 Febbraio 2013 12:39

iPhoneParodia propone in modo ironico degli spot alternativi relativi ai prodotti Apple e a tutto quello che gira intorno alla ditta di Cupertino. Nelle ultime ore il membro unico del team ha pubblicato un nuovo video, che prende spunto dal successo ottenuto dai design di Apple.
Il tema del nuovo video riguarda il recente intervento di Jony Ive all’interno di una trasmissione della BBC indirizzata ai ragazzi, nella quale spiegava i segreti del successo di un buon design che si struttura a partire dal nome dato al prodotto, invitando i ragazzi a presentare le loro idee e le loro proposte, rispettando i suoi suggerimenti in materia.

Bene, iPhoneParodia ha preso la palla al balzo e ha confezionato un video ad hoc su questo tema.
Il video parte con l’inviato della trasmissione che dà una comunicazione relativa all’intenzione di un misterioso personaggio di modificare il logo di Apple e il nome dell’azienda, prendendo come punto di riferimento non più la mela morsicata, ma delle ciliegie, o un albero di ciliegie.

L’inviato quindi inizierà ad intervistare Jony Ive in merito al successo di un prodotto di design, e le risposte parodiate sono nel puro stile che ci si aspetterebbe da iPhoneParodia. L’intervista è incentrata sullo “stimolo” creativo per poi passare al clamoroso quiz del giorno, in cui l’intervistato deve riconoscere un iPad tra altri “oggetti”. Il tutto a partire dai disegni e dai progetti presentati dai bambini al programma della BBC, tra zainetti colorati e lucchetti, fino al momento finale di consegna di un particolare premio dato a Jony Ive dall’inviato televisivo.

Ecco il video:

iPhoneParodia e i segreti del successo dei design di Apple

iPhoneParodia finisce quindi per scherzare in modo ironico sui segreti del successo del design di Apple, ovviamente il tutto non senza una nota di sarcasmo e di frecciatine, neanche tanto sottili, che vengono indirizzate all’azienda di Cupertino.

Commenti