Guida alle app per spiare un telefono

Ecco alcuni consigli su quali app scaricare per spiare un telefono, il tutto in maniera assolutamente semplice.

di Roberto S. 21 Febbraio 2019 10:55

Avrai già letto da qualche parte che spiare un telefono cellulare è semplicissimo, che ci sono decine di app per spiare il cellulare altrui gratis, senza installare programmi, senza avere il telefono e chi più ne ha più ne metta.

Purtroppo non è così semplice. Il “problema” sono i security patch dei diversi sistemi operativi, oltre ai sistemi di crittografia di applicazioni come WhatsApp e Instagram. Si sta parlando di gruppi come Google, Facebook e Apple.  

Periodicamente fior di pagatissimi sviluppatori creano degli update che sistemano le eventuali vulnerabilità nella sicurezza di Android o iOS, il sistema operativo degli iPhone.

Questo non vuol dire che spiare il cellulare di un’altra persona è impossibile. Qui ti spiego come riconoscere le applicazioni sospette, ma anche le possibilità offerte dalle app spia legali.

Vuoi spiare un telefono? Impara a riconoscere le truffe

Ci sono operazioni che un programma per spiare cellulari semplicemente non può fare. Ad esempio, spiare i messaggi WhatsApp conoscendo solo col numero di telefono. Spiare un cellulare con numero di telefono o codice IMEI è molto difficile, bisogna bypassare tutta una serie di sistemi di sicurezza, ci vuole una grande competenza tecnica e sicuramente non è gratis.

C’è qualcuno che può farlo gratis: la Polizia Postale, con la collaborazione del gestore telefonico. Si tratta di un’operazione sempre illegale, per cui sono previste pene fino a 5 anni di reclusione (art. 615 ter c.p.).

E’ vero, ci sono app spia per WhatsApp gratuite, che sulla carta permettono di spiare la nota messaggeria istantanea senza avere il telefono dell’utente in mano. Molto spesso si tratta di applicazioni bandite o rimosse da Google Play o dall’App Store Apple, ma non perchè illegali, quanto piuttosto perchè non funzionano e rallentano inutilmente il telefono.

Le poche applicazioni che qualche buontempone ha immesso sul mercato per evidenziare delle falle nella crittografia di WhatsApp (vedi WhatsApp Sniffer) sono state subito rese inutilizzabili da aggiornamenti di sicurezza, dando solo la possibilità ai malintenzionati di creare una quantità di applicazioni false con lo stesso nome, tra l’altro piene di malware.

Ultima tipologia di software spia da cui stare alla larga sono quelle scaricabili da siti web che non riportano i riferimenti della società produttrice nè la politica sulla privacy, nè alcun contatto fisico dell’azienda. La pagina di pagamento è un semplice form che non si appoggia a nessun sistema di pagamento certificato? Una vera manna per il phishing, il furto di dati sensibili.

Le app per spiare un telefono legalmente

Tutt’altro discorso per le app per spiare un telefono cellulare che hanno tutti i requisiti di legge per poter essere commercializzate liberamente. E’ il caso dei software per il controllo parentale, una pratica legale anche in Italia.

Un buon esempio di questi software è mSpy per cellulari, un’applicazione in grado di monitorare

  • chiamate in entrata e in uscita;
  • rubrica;
  • SMS;
  • messaggi istantanei su WhatsApp, FB Messenger, Instagram, Telegram, Viber, Hangouts e tanti altri;
  • attività sui social web;
  • email;
  • cronologia web;
  • foto e video;
  • applicazioni installate;
  • note;
  • calendario.

Oltre a queste funzioni c’è la possibilità di geo localizzare il telefono tramite GPS oppure rete WiFi, nel caso in cui la posizione fosse disattivata. Puoi persino attivare il GeoFencing, una funzione che ti notifica quando il cellulare entra in determinate zone da te impostate. Utilissimo se non vuoi che i tuoi figli vadano da soli in zone malfamate della città.

L’app di mSpy è a pagamento, come tutte quelle di questa categoria. In questo caso è piuttosto economica, perché esiste una versione base che costa solo 26,99 €. Altre aziende non hanno versioni base, per cui i prezzi partono da 50-60 € al mese.

Come si installa un’app spia per telefoni cellulari

Si può installare un’app spia per telefoni cellulari a distanza? La risposta è sì, ma solo in alcuni casi. mSpy per cellulari e altre applicazioni legali possono essere scaricate a distanza se

  • il cellulare da monitorare è un iPhone;
  • la funzione di backup di iCloud è attiva;
  • hai le credenziali iCloud del telefono da spiare.

In questi casi puoi installare una versione del software più leggera che funziona anche senza jailbreak. Il jailbreak è una procedura che consente di ottenere i privilegi di amministratore del sistema. Sul telefono della persona da spiare potrebbe essere già presente, perchè serve essenzialmente ad acquistare app non presenti su Google Play.

mSpy senza jailbreak ti permette comunque di vedere chiamate, SMS, messaggi WhatsApp, cronologia web, applicazioni e posizione del telefono.

Per spiare un telefono Android a distanza, invece, bisogna per forza averlo in mano per 5-15 minuti, il tempo necessario ad installare l’applicazione. Una volta installata, l’app spia per cellulari di mSpy diventa invisibile. Non attiva la retroilluminazione, non lascia icone, non segnala il suo funzionamento in alcun modo.
Anche in questo caso, per avere la versione completa del software bisogna eseguire il root, una procedura simile al jailbreak. Se decidi di farlo da solo puoi farti assistere dal servizio clienti 7/24 di mSpy, ma i tempi salgono a circa 30 minuti da solo col telefono da spiare.

Commenti