Google ordina il blocco delle parole “torrent”, “megaupload” e altre

I termini correlati a ricerche pirata per trovare contenuti illegali saranno sottoposti a restrizioni.

di Daniela Caruso 22 luglio 2012 11:20

La Corte suprema francese ha stabilito che Google dovrebbe censurare parole come “torrent” “rapidshare”‘e “megaupload” dai suoi servizi di ricerca e di Instant Autocomplete. Il gruppo industriale di musica SNEP ha chiesto al tribunale di fermare i termini nelle ricerche di Google, perché, ha sostenuto, si facilita in tal modo la pirateria. Un giudice ha respinto la richiesta di SNEP perché ha detto che questi collegamenti non costituisce una violazione del diritto d’autore e di se stessi. Tuttavia, la Corte Suprema ha annullato la decisione, dicendo che il provvedimento richiesto dal gruppo è stato in grado di prevenire o in parte bloccare le infrazioni.

Questa decisione di principio è la prima in Francia, il che dimostra che i motori di ricerca dovrebbero partecipare alla regolamentazione di Internet,” ha dichiarato David El Sayegh, capo di SNEP. La Corte Suprema ha affermato che Google non può essere ritenuto responsabile dei download di contenuti illegali, in quanto la scelta viene effettuata dagli utenti attraverso un altro sito, ma il divieto dei termini di ricerca renderebbe più difficile agli internauti trovare la strada giusta per scaricare file illegali.

Google ha detto che di essere deluso della sentenza della Corte. Google restituisce l’autocomplete algoritmicamente e la query di ricerca che sono un riflesso della attività di ricerca di tutti gli utenti web“, ha detto un portavoce a The Register in un comunicato inviato via email. “Google prende molto sul serio il diritto d’autore on-line e noi continueremo a lavorare con i creatori di contenuti, al fine di aiutarli a raggiungere un nuovo pubblico online e intensificare la protezione contro la pirateria“.

Tuttavia, come ha sottolineato il consigliere generale Kent Walker, al momento è difficile sapere con certezza quali termini vengano utilizzati per trovare contenuti pirata. Per esempio, mentre BitTorrent non sarà autocompletato dalla ricerca di Google, lo sarà invece il popolare client torrent BitComet.

2 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti