Quali sono le differenze tra touchscreen capacitivi e resistivi?

Ecco la differenza che intercorre tra le due tipologie di display.

di Daniela Caruso 20 luglio 2012 15:21

Tutti sappiamo che ci sono due tipi di touchscreenCi sono quelli che troviamo su costosi smartphone e tablet, che rispondono al minimo tocco, permettono il multi-touch e sono in genere altamente reattivo e poi ci sono quelli che hanno tempi di risposta leggermente più lunghi, che richiedono una certa pressione o l’utilizzo di una stilo. Bisogna fare una differenza tra touchscreen resistivi e capacitivi.

Touchscreen in breve

differenza tra capacitivo e resistivo

Anche se i touchscreen stanno diventando sempre più popolari, non sono affatto una nuova invenzione. Il primo touchscreen è stato inventato nel 1960 e ha subito diversi cambiamenti e iterazioni per diventare il touchscreen che usiamo oggi. I touchscreen non si limitano a smartphone e tablet, sono letteralmente ovunque, dalle macchine ATM ai sistemi di navigazione, console per videogiochi e persino touchpad dei portatili.

Touchscreen resistivo

Il touchscreen resistivo è il tipo più comune dei touchscreen. Fatta eccezione per i moderni smartphone, tablet PC e trackpad, la maggior parte dei touchscreen sono resistivi. Il touchscreen resistivo, appunto, si basa sulla resistenzaA questo proposito, è abbastanza intuitivo capire che la pressione permette di avere una risposta dal display.

Un touchscreen resistivo è fatto di due sottili strati separati da uno spazio sottile. Questi non sono gli strati unici nel touchscreen resistivo, ma ci concentreremo su di loro per semplicità. Questi due strati hanno entrambi un rivestimento su un lato, come due fette di pane in un sandwich. Quando questi due strati di rivestimento si toccano, viene elaborata una tensione, che è a sua volta è elaborata come tocco in quella precisa posizione.

touchscreen capacitivi

Così, quando il dito, la stilo o qualsiasi altro strumento compatibile con uno schermo resistivo viene utilizzato, si crea una leggera pressione sullo strato superiore, trasferita, poi, allo strato adiacente, dando inizio alla cascata di segnali. Per questo motivo, è possibile utilizzare qualsiasi oggetto su touchscreen resistivo per far funzionare interfaccia touch; un guanto, una stecca di legno, un unghia, tutto ciò che crea una pressione sufficiente sul punto di impatto che attiverà il meccanismo e il contatto.

Per questa stessa ragione, il touchscreen resistivo richiede una leggera pressione al fine di registrare il tocco, a differenza dei touchscreen capacitivi, quali quello dell’iPhone. Inoltre, gli strati del touchscreen resistivo hanno il display meno forte, con minore contrasto di quello che potremmo vedere sugli schermi capacitivi. Mentre la maggior parte schermi resistivi non consente il multi-touch come il pinch to zoom, possono registrare un tocco di un dito quando un altro dito è già in contatto con una posizione diversa sullo schermo.

touchscreen capacitivi

Gli schermi resistivi sono stati migliorati notevolmente nel corso degli anni e oggi molti smartphone di fascia più bassa smartphone vantano uno schermo resistivo che non è meno accurato di dispositivi di fascia alta. Alcuni dispositivi più recenti che utilizzano touchscreen resistivi sono il Nokia N800, il Nokia N97, l’HTC Tattoo e Samsung JetUn altro noto dispositivo che utilizza la tecnologia resistiva è il Nintendo DS, che è stata la prima console di gioco a utilizzarlo.

Touchscreen capacitivi

Sorprendentemente, è stato in realtà il touchscreen capacitivo che è stato inventato prima, il primo è stato costruito quasi 10 anni prima del primo touchscreen resistivo. Tuttavia, i touchscreen capacitivi di oggi sono molto accurati e rispondere istantaneamente quando vengono leggermente toccati da un dito umano. Quindi, come funziona?

Rispetto al resistivo, che si basa sulla pressione meccanica effettuata dal dito o dalla stilo, il touchscreen capacitivo fa uso delle proprietà elettriche del corpo umanoUno schermo capacitivo è generalmente costituito da uno strato isolante, come il vetro, che è rivestito da un materiale conduttivo trasparente all’interno. Poiché il corpo umano è conduttore, che significa che l’elettricità può passare attraverso di esso, lo schermo capacitivo può utilizzare questo conduttività come input. Quando si tocca un touchscreen capacitivo con un dito, si causa un cambiamento nel campo elettrico dello schermo.

touchscreen capacitivi

Questo cambiamento è registrato e la posizione del contatto è determinato da un processoreQuesto può essere fatto con diverse tecnologie, ma si basano tutte sul cambiamento elettrico causato da una leggera pressione di un dito. Questa è la ragione per cui non è possibile utilizzare uno schermo capacitivo con i guanti (a meno che non siano conduttivi) e il tocco non causa alcun cambiamento nel campo elettrostatico. Lo stesso vale per le stilo non capacitive.

differenza tra capacitivo e resistivo

Poiché gli schermi capacitivi sono costituiti da uno strato principale, che viene costantemente assottigliato con l’avanzare della tecnologia, questi schermi non solo sono più sensibili e precisi, ma lo stesso display può essere molto più nitido, come si è visto su dispositivi come l’iPhone 4S. I touchscreen capacitivi possono anche fare uso del multi-touch, ma solo utilizzando più dita contemporaneamente. Se un dito tocca una parte dello schermo, non sarà in grado di percepire un altro contatto con precisione. 

2 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti