Controlla il mouse con gli occhi, ecco la nuova frontiera

Dall'Imperial College di Londra arriva un dispositivo che permetterà di controllare il mouse con i soli occhi.

di Daniele Perotti 17 luglio 2012 22:50
occhiali controllo mouse

Buone notizie arrivano da un gruppo di ricercatori inglese, sembra infatti che siano riusciti a mettere a punto un dispositivo molto particolare che, seppur assomigli ad uno strano paio di occhiali, consente di poter controllare il cursore del mouse semplicemente muovendo gli occhi. Come potete facilmente immaginare, questa nuova tecnologia, oltre ad essere particolarmente utile nella vita di tutti i giorni, è principalmente dedicata a tutti coloro che vuoi per una malattia vuoi per un incidente non hanno modo di poter impugnare un mouse come tutti.

Sono molte le malattie come la sclerosi multipla, o come il morbo di Parkinson, che portano l’utente a non poter più interagire con il computer come prima della malattia.

Nato dai ricercatori inglesi dell’Imperial College di Londra, questa nuova diavoleria tecnologica riesce a spostare il cursore del mouse a seconda del movimento degli occhi del paziente, ad oggi è stato dimostrato come l’utente può sfruttare questa tecnologia per giocare ad un semplice videogioco, navigare in rete o scrivere ed inviare e-mail.

Attaccate alla montatura degli occhiali sono presenti due videocamere che servono per poter tenere costantemente sotto controllo l’occhio dell’utente al fine di poter sfruttare i movimenti dell’occhio per poter muovere di conseguenza il cursore del mouse. Ovviamente si tratta di una scoperta che non ha limiti d’utilizzo, infatti con un pò di immaginazione e tanta pazienza di sviluppo questa tecnologia può essere sfruttata per assistere l’uomo in qualsiasi situazione compresa la possibilità di “governare” una sedia a rotelle elettrica.
Il sistema consente anche di poter cliccare o selezionare un’icona sul desktop, tuttavia gli studiosi sono ancora alla ricerca di un metodo che o di un’azione che sia volontaria e non involontaria come nel caso di un battito di ciglio.

Il dispositivo si interfaccia sia in modalità wireless WiFi sia attraverso un collegamento USB e può essere collegato sia ad un PC dotato di Windows sia di Linux.

Si tratta certamente di un passo avanti della tecnologia al fine di poter aiutare tutti quegli utenti che per una qualsiasi ragione non possono utilizzare un mouse o una tastiera.

2 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti