Come ottenere i permessi di root

Per ottenere i permessi di root sui dispositivi Android è possibile sfruttare l'apposito software SuperOneClick. Scopriamo subito come utilizzarlo.

di Martina 26 luglio 2014 10:00
Come ottenere i permessi di root

Chi utilizza un dispositivo basato su Android ha la possibilità di scaricare da internet le app che desidera ed installarle sul proprio device senza dover necessariamente passare per Google Play Store. Alcune app particolari richiedono però i permessi di root che si possono ottenere solo andando a sbloccare il dispositivo.

Ottenere i permessi di root non è una cosa esattamente semplice ma attenendosi alle seguenti indicazioni sarà comunque possibile eseguire l’operazione in questione in men che non si dica.

La prima cosa che va fatta per ottenere i permessi di root consiste nel cliccare qui per effettuare il download di SuperOneClick, un software gratuito per sistemi operativi Windows che consente di eseguire il root su moltissimi terminali Android.

Per utilizzare SuperOneClick è sufficiente collegare il telefono da sbloccare al PC tramite cavo USB, attivare il debug USB su Android, cliccare sul pulsante Root del programma ed aspettare qualche minuto affinché venga eseguito il processo di rooting del dispositivo. Ultimata la procedura verranno ottenuti i permessi di root sul dispositivo.

Da notare che come tutti gli altri software per eseguire il root sui telefoni Android anche SuperOneClick richiede che sul computer ci siano installati i driver del dispositivo. I driver degli smartphone Android solitamente vengono forniti insieme ai software che consentono di gestire i terminali dal computer.

È inoltre opportuno tener conto del fatto SuperOneClick è compatibile con una gran varietà di smartphone diversi tra cui Acer Liquid Metal, Dell Streak, HTC Magic 32B, LG Optimus 2x, Motorola Defy, Motorola Flipout, Motorola Milestone, Motorola Milestone 2, Nexus One, Samsung Galaxy Ace e via di seguito. Qualora il proprio smartphone non risultasse compatibile è possible fare una ricerca su Google associando il nome dell’applicazione a quello del terminale che si desidera sbloccare e controllare se c’è qualche guida specifica da seguire.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti