Addio a TweetDeck per iOS e Android

Le ragioni della chiusura della popolare app legata alla piattaforma di microblogging.

di Daniela Caruso 6 marzo 2013 16:46

Twitter dice addio a TweetDeck, l’applicazione legata alla piattaforma di microblogging, disponibile sia su iOS che su Android, in quanto tutto l’investimento e le energie si concentreranno sul prodotto nella versione web-based. Sarà rimossa anche l’integrazione di Facebook: ciò mostra che la battaglia fra i due colossi del social networking è ancora viva e aperta. Gli utenti non hanno gradito la notizia annunciata dalla società, esprimendo il proprio rammarico sulle diverse piattaforme sociali. TweetDeck AIR, TweetDeck per iPhone e TweetDeck per Android saranno rimossi dai rispettivi app store a partire da maggio e smettere di funzionare poco dopo, secondo quanto riferito in un post sul blog di TweetDeck .

“Per continuare ad offrire un ottimo prodotto che risponde alle vostre specifiche esigenze, abbiamo intenzione di concentrare i nostri sforzi di sviluppo sulla versione web-based di TweetDeck”, questo quanto comunicato da Twitter. TweetDeck è uno stimato client Twitter che la rete di microblogging ha acquistato nel 2011. La versione web di TweetDeck e le varie applicazioni per il browser Chrome miglioreranno Twitter con aggiornamenti e nuove funzionalità: le applicazioni per Mac e PC continueranno ad evolversi con ulteriori update. In questi due mesi che restano prima della chiusura definitiva dell’applicazione, la stessa potrebbe provocare problemi di navigazione su entrambi le piattaforme mobile.

Queste applicazioni continueranno a fare affidamento sulle API di Twitter, che saranno ritirate questo mese. Il test del blackout test sulle versioni mobili dell’app, inizieranno il 5 marzo, in modo da dare agli utenti la possibilità di sperimentare l’interruzione di servizio che ci sarà fra meno di 60 giorni.  Dal blog di TweetDeck, infine, si legge che la società è dispiaciuta del fatto di dover interrompere il servizio di applicazioni molto amate sia su iOS che su Android, ma che questo è un passo necessario per far confluire tutte le energie esclusivamente sulla versione web.

3 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti