ƒ

Il nuovo iPad si surriscalda facilmente

Grazie ad una fotocamera termica è stato provato che mentre il vecchio iPad all'esterno raggiungeva una temperatura di 28,3 gradi centigradi, il nuovo iPad raggiunge la temperatura di 33,6 gradi centigradi, superiore di più di 5 gradi.

di Ilaria Fedele 21 marzo 2012 12:48

Sembra proprio di sì, il nuovo iPad, se usato intensamente e a lungo si surriscalderebbe in modo preoccupante. A documentare il surriscaldamento ci ha pensato Tweakers.net
Grazie ad una fotocamera termica è stato provato che mentre il vecchio iPad all’esterno raggiungeva una temperatura di 28,3 gradi centigradi, il nuovo iPad raggiunge la temperatura di 33,6 gradi centigradi, superiore di più di 5 gradi.
Anche un giornalista di PC Magazine, mentre lavorava sul nuovo iPad ha notato che il tablet era caldissimo, bollente. Ed è andato in blocco. Allora lo ha messo in frigo e dopo pochi minuti il tablet ha ripreso a funzionare. Ha provato ad utilizzarlo sotto il sole e ha notato che si è surriscaldato in brevissimo tempo.

Quali sono le cause del surriscaldamento?

Lo schermo Retina Display, a causa della sua altissima risoluzione, richiede molta energia erogata da potenti batterie che lo alimentano e che provocherebbero un eccesso di calore nell’angolo inferiore sinistro. Tale surriscaldamento addirittura provocherebbe la comparsa di una scritta “iPad deve raffreddarsi prima di essere utilizzato ancora”. Secondo molti utenti l’iPad3 avrebbe una batteria più grande e un processore più potente rispetto al modello precedente, non supportati da un adeguato sistema di raffreddamento. E ora la notizia vola sui blog e forum americani che stanno bocciando il nuovo tablet.
I 5 gradi in più recano un notevole disturbo a contatto con le mani e questo aumento di calore è chiaramente visibile dalle immagini scattate dalle fotocamera termica adoperata durante il test di Tweakers.net

Apple non ha ancora dato una risposta al problema, ma sicuramente ne è stata informata. Il surriscaldamento ha anche allarmato i consumatori europei a causa del periodo di garanzia solitamente applicato dalla Apple, un solo anno contro a quanto previsto dalla normativa europea che impone due anni di garanzia. I consumatori, con le loro associazini, ritengono che il colosso di Cupertino di non offra sufficienti informazioni relativamente alla promessa di garanzia biennale data all’atto della vendita.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti