Anteprima della nuova grafica dei videogame, Unreal Engine

La piattaforma software Unreal Engine 4, sarà la base dela prossima generazione di videogiochi.

di Ilaria Fedele 22 maggio 2012 10:54
nuova grafica-epic games

Gli studi di Epic Games svelano quello che sarà il futuro dei videogames rilasciando le prime immagini del nuovo Unreal Engine 4 tratte dalla tech demo mostrata privatamente ai propri partner alla Game Developers C.
Il motore grafico dell’Unreal Engine 4, per quanto si è appreso alla GDC 2012 ci dà già un’idea di cosa aspettarci dai giochi del futuro. I partner invitati alla dimostrazione della Epic Games erano molti tra i quali i rappresentanti di Microsoft, Sony, Nvidia e di alcuni tra i più influenti team di sviluppo di videogiochi.

L’obiettivo della software house con sede in North Carolina era quello di convincere questi partner che la nuova tecnologia può offrire delle cose che per il momento sono solamente immaginabili. i dati non potevano essere divulgati ma Wired ha pubblicato ora i primi dettagli ufficiali e le prime incredibili immagini. Essi indicano un salto di qualità tramite il rendering in tempo reale. Una nuvola era sufficiente per rallentare notevolmente le prestazioni con i motori grafici precedenti, pertanto non era possibile eccedere con gli effetti particellari, ora con Unreal Engine 4 ci possono essere milioni di particelle, fino a quando l’hardware è abbastanza potente per gestirle. “In una clip di 153 secondi, Epic ha racchiuso tutti gli effetti grafici che hanno mandato in tilt gli sviluppatori per anni: lens flare, bokeh distortion, flussi di lava, distruzione ambientale, fuoco, dettagli in paesaggi che si perdono a vista d’occhio. Le immagini sono fotorealistiche da togliere il fiato, o perlomeno lo sarebbero se cavalieri demoni esistessero per davvero. Ma questa è solamente la scena d’apertura” afferma Wired. E continua “ Dopo il video, il senior technical artist di Epic, Alan Willard, avvia la demo in tempo reale. A questo punto la prospettiva passa alla prima persona resa celebre nel mondo dei videogiochi da Call of Duty o dagli stessi Unreal di Epic. Willard gestisce il suo alter ego in una stanza scarsamente illuminata dove si accende una torcia che rivela vortici di polvere che si costituiscono di migliaia di particelle che non erano visibili prima dell’accensione della fonte di luce.

In un’altra stanza, globi di varie dimensioni fluttuano nell’aria. Willard lancia a questo punto un globo che emana luce lungo il pavimento con fasci di luce che cambiano direzione e intensità. Il globo illumina progressivamente nuove parti della stanza rivelando altre sfere fluttuanti in una sorta di effetto stroboscopico. A prima vista sembra tutto molto familiare, ‘perché è così che appare nella realtà, ciò non è stato possibile da simulare fino a oggi nei videogiochi, semplicemente perché le console attuali non ne sono in grado”. La demo girava su un PC dotato di una singola scheda video GeForce GTX 680, basata su architettura Kepler, ora Sony e Microsoft dovrebbero dotare le loro nuove console di hardware adatto.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti